VOI SIETE QUI »Prodotti»Marcatura»

Informazioni tecniche generali sulla marcatura

INFORMAZIONI TECNICHE GENERALI
SULLA MARCATURA

Di seguito tutte le informazioni importanti sui rulli di marcatura e sui segmenti.


1. FONTS

Font speciali sono disponibili per i caratteri dei rulli ricavati dal pieno e per i caratteri intercambiabili. Il carattere simile al DIN1451, è il font utilizzato come standard. Questo font offre la possibilità di diverse larghezze quindi lunghezze di testo. Le seguenti larghezze sono disponibili:

  • Lettera stretta
  • Lettera stretta con spazio
  • Lettera stretta con spazio

Altri font e caratteri speciali possono essere eseguiti su richiesta. Per quanto riguarda eventuali loghi, è richiesto un disegno su file dxf o altro file di disegno digitale.


2. ALTEZZA CARATTERI

L’altezza del carattere viene determinata quando vengono incisi i caratteri nel rullo marcatore. L’altezza dei caratteri risultante sul pezzo marcato, è variabile in funzione della profondità della marcatura e dall’angolo di costruzione del carattere. Se viene richiesta una altezza esatta occorre determinare esattamente anche la profondità di marcatura.


3. LARGHEZZA CARATTERI

Spazio limitato sul pezzo da marcare o piccoli diametri richiedono l’utilizzo di caratteri con larghezza ridotta


4. PROFONDITA’ DI
MARCATURA

La profondità di marcatura dipende dal risultato che si vuole ottenere sul pezzo. Normalmente la profondità sarà tra 0,05 e 0,3 mm. Per profondità superiori a 0,4 mm occorre costruire dei caratteri speciali.



5. DISTANZA DAL BORDO

La distanza minima del carattere dal bordo laterale del rullo di marcatura, è di 0,5 mm.




6. SPAZIATURA CARATTERI/SPAZI/PUNTINI DI TRASCINAMENTO

Lo spazio tra i caratteri e tra le parole non può superare certi limiti. Lo spazio dipende dal diametro del rullo marcatore e dal diametro del pezzo. La regola base, è che uno spazio libero superiore a 1 mm deve essere collegato con un puntino di trascinamento. Questo assicura un corretto trascinamento del rullo marcatore e una migliore distinzione delle diverse parole. Per questo, vedere anche il punto 10 relativo ai puntini di trascinamento.


7. ALTEZZA STANDARD CARATTERI INTERCAMBIABILI

Per i caratteri intercambiabili abbiamo definito una altezza standard.

Rullo Dia.24: Altezza 1,5 o 2 mm
Rullo Dia.35: Altezza 2,5 o 3 o 4 mm

Altre altezze su richiesta


8. ALTEZZA DEI CARATTERI SUI RULLI RICAVATI DAL PIENO

Per i rulli di marcatura con i caratteri ricavati dal pieno, l’altezza parte da 0,4 mm e arriva a 14 mm. Comunque raccomandiamo se possibile di non superare i 10 mm per non aumentare eccessivamente la spinta necessaria per marcare.




9. ORIENTAMENTO DEL TESTO

L’orientamento del testo da marcare (Lettura destra o sinistra) deve essere definito in fase di ordine. Per i rulli marcatori ricavati dal pieno l’orientamento della scritta non può più essere cambiato. Per alcuni rulli marcatori con caratteri intercambiabili, l’orientamento della scritta può essere modificato a piacere.


10. PUNTINI DI INIZIO/PUNTINI DI TRASCINAMENTO

Per poter marcare il pezzo senza fermare il mandrino, devono essere previsti sei puntini di inizio marcatura. I puntini entreranno in contatto con il pezzo per primi in modo che quando arriva il testo da marcare sia stata raggiunta la profondità di marcatura prevista. Se non ci fossero i puntini si vedrebbe la prima parte della scritta non marcata correttamente con un risultato scadente.


11. PUNTINI DI TRASCINAMENTO

Se per qualche ragione non si vuole che i puntini di trascinamento risultino visibili sulla marcatura, è possibile prevedere i puntini lateralmente alla scritta in modo che vengano rimossi da una successiva lavorazione.


12. VELOCITA’ DI ACCOSTAMENTO

La velocità di accostamento del rullo marcatore al pezzo deve essere fatta alla massima velocità G0


13. CONTROLLO DELLA LUNGHEZZA DELLA MARCATURA IN FUNZIONE DEL TEMPO DI CONTATTO

Quando l’utensile, ha finito l’accostamento occorre programmare un tempo di 0,05 a 0,2 sec. per dare la possibilità al rullo di ruotare abbastanza per marcare l’intero testo. Nel caso di una marcatura utilizzando l’asse C del tornio, l’angolo di rotazione viene programmato. Alla fine del tempo o dell’angolo programmato l’utensile deve essere immediatamente allontanato dal pezzo.



14. MARCATURA SU PARETI SOTTILI

La marcatura su pareti sottili richiede una particolare attenzione. Se possibile, è meglio marcare il pezzo prima di eseguire eventuali fori interni. Per pezzi lunghi e sottili, preferire la soluzione con marcatore a doppio rullo in modo che la spinta di marcatura venga contrastata dal contro-rullo.


INDIETRO ALLA
MARCATURA